Luigi Frunzio, l’ultimo addio

Dolore e commozione, questi i sentimenti che stamane hanno accaompagnato i funerali del procuratore aggiunto di Napoli Luigi Frunzio, recentemente scomparso dopo una lunga battaglia contro il covid. Le esequie sono state celebrate dall’arcivesco Mimmo Battaglia nel Duomo di Napoli. Nel pieno rispetto delle norme anti-covid, hanno preso parte molti colleghi del magistrato, autorità civili e alti rappresentanti delle forze dell’ordine.

Presenti, alla funzione religiosa, il procuratore di Napoli Giovanni Melillo, il procuratore di Salerno, Giuseppe Borrelli, il procuratore di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso, tutti i procuratori aggiunti di Napoli, i suoi collaboratori più stretti, il procuratore generale presso la Corte di Appello di Napoli, Luigi Riello, il presidente della Corte di Appello di Napoli, Giuseppe de Carolis di Prossedi, il questore di Napoli, Alessandro Giuliano, il generale di Brigata Giuseppe Canio La Gala, comandante provinciale dei Carabinieri di Napoli.

Per la Guardia di Finanza erano presenti il generale di Corpo d’Armata Edoardo Valente in rappresentanza del Comando Generale, il comandante interregionale Italia meridionale generale di Corpo d’Armata Ignazio Gibilaro, il comandante Regionale Campania, generale di Divisione Virgilio Pomponi, il comandante Provinciale Napoli, generale di Brigata, Gabriele Failla.

Presente anche il sindaco di Benevento Clemente Mastella. Particolarmente toccanti le parole con le quali i primi due figli del magistrato scomparso, Gaia e Vincenzo, hanno ricordato il padre, vittima di una crisi respiratoria che l’ha colto mentre era in fase di riabilitazione.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi