I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, della Sezione Operativa della Compagnia di Casoria e della Tenenza di Caivano , hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro persone di Caivano, legato tra loro da strettissimi vincoli di sangue. 

Il provvedimento restrittivo è stato richiesto al Giudice per le indagini preliminari di Napoli dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura partenopea nei confronti dei quattro indagati, poiché ritenuti gravemente indiziati, a vario titolo, di aver diretto e gestito un’associazione finalizzata allo spaccio di stupefacenti avente la “sede operativa” nel Parco Verde del comune di Caivano. 

Per le indagini, avviate dalla Sezione Operativa dei Carabinieri di Casoria, sono state utilizzate anche le riprese video di un servizio giornalistico che riguardava lo spaccio di droga all’interno del Parco Verde. 

Nel corso delle attività investigative è stato possibile documentare una fiorente attività di spaccio di cocaina, hashish e marjuana gestita dagli arrestati; una complessa organizzazione criminale, che faceva ricorso anche a sofisticati sistemi di videosorveglianza, finalizzati ad eludere i controlli di polizia. 

Tali apparati sono stati più volte sequestrati nel corso di svariati servizi di prevenzione e repressione condotti dai Carabinieri.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi