Napoli in lacrime, prega per la piccola Noemi Sono stazionarie le condizioni di salute della piccola di 4 anni colpita da un proiettile venerdì pomeriggio

“Non mollare, ti aspetto per continuare a crescere insieme”. E’ stata la piccola Raffaella a scrivere il cartello, incaricando la mamma di affiggerlo al cancello d’ingresso dell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli. Qui, da venerdì pomeriggio, è ricoverata Noemi, appena 4 anni.

E’ in rianimazione, intubata e in coma farmacologico. Un proiettile da guerra con incamiciatura d’acciaio le ha fratturato la scapola sinistra, poi ha attraversato la parte bassa del polmone di destra, è sgusciato dietro al cuore e ha sfiorato i grossi vasi sanguigni, per impattare e scaricare parte della sua forza cinetica contro la sesta vertebra toracica, andata distrutta in tanti frammenti di osso. Un urto che ha rallentato e poi fermato la potenza del proiettile dopo aver trapassato il polmone sinistro. Le immagini della diagnostica sono drammatiche, tragiche e dovrebbero essere mostrate in particolare a coloro che, in queste ore, sanno e non parlano.

C’è chi aiuta, collabora, mantiene il silenzio e copre l’uomo vestito di nero che ha sparato. Codardia, connivenza, convenienza. Sono partenopei che, ripetendosi per una intera vita di merda è cos’ e nient, sono diventati loro cos’ e nient. Il video catturato dalle telecamere in piazza Nazionale nei pressi del bar Elite svela l’atrocità, la banalità del male, la fine di qualsiasi sentimento umano.

Il killer è impacciato, si muove male, impugna l’arma e spara senza padronanza. Noemi è a terra, alza la mano e chiede aiuto. L’energumeno la scavalca una prima volta per raggiungere e scaricare il caricatore addosso a Salvatore Nurcaro, 32 anni, obiettivo del raid armato. L’uomo nello scappare sfiora nuovamente il corpo della piccola che continua a tenere il braccio alzato. Sarà un dipendente del bar a soccorrerla, a tenerle la mano, accarezzarla e riscaldarla. La scena è immortalata in fermo immagine. Fa accapponare la pelle, mette rabbia, tanta rabbia. Cambia davvero poco se l’attentatore non è un killer di un clan: resta lo sconcerto, la drammaticità e l’abbandono di una città in perenne guerra.

Occorre acciuffare chi venerdì pomeriggio non solo poteva commettere una strage, ma ha calpestato per due volte il corpo di una bimba ferita e distesa a terra. Tocca ai napoletani metterci la faccia: chi sa parli e aiuti lo Stato a fare fino in fondo il proprio dovere.

 

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi