Salvini finisce sul patibolo per aver detto ‘zingaraccia’. Alle polemiche risponde : “Adesso basta, obiettivo zero campi Rom in Italia”

Matteo Salvini indossa l’elmetto. Qualcosa bolle in pentola. Dopo i migranti nel mirino del ministro dell’Interno sono finiti i rom ovvero i loro accampamenti abusivi.

Sembra che qualcosa dalle parti del Viminale cominci a muoversi. Pare siano stati programmati una serie d’interventi in giro per l’Italia.

Si tratta di operazioni di sgombero degli insediamenti illegali nelle periferie delle metropoli italiane. Attività – dicono – che a breve scatteranno in simultanea nel Paese.

Il coordinamento delle attività sarà affidato alle singole Prefetture che seguiranno le precise e dettagliate linee guida emanate dal Viminale.

Non è affatto un caso se il 15 luglio scorso dagli uffici del ministero dell’Interno sia stata firmata e trasmessa la circolare n.16012/110 con oggetto :“Insediamenti abitativi di comunità Rom, Sinti, Caminanti”.

L’intelaiatura burocratica è stata preparata ora si passa alle vie di fatto. Salvini già da ‘semplice’ parlamentare organizzava continuamente blitz nei campi nomadi.

Addirittura dopo una dura polemica con i collettivi, il capo del Carroccio si presentò davanti a un insediamento nomade su di una ruspa. Da ministro ora è giunto il momento di tirare fuori dal garage il pesante mezzo meccanico.

Insomma, il tweet di fuoco che Salvini ha indirizzato contro una nomade non è assolutamente casuale. La donna aveva offeso pesantemente il ministro a tal punto da augurargli che qualcuno gli tirasse una pallottola in testa.

La reazione di Salvini non si è fatta attendere ed è stata durissima, violenta e istintiva. “Ma vi par normale che una zingara a Milano dica ‘A Salvini andrebbe tirata una pallottola in testa’? Stai buona, zingaraccia, stai buona, che tra poco arriva la RUSPA”.

Eccolo il tweet inviato dal ministro dell’Interno e che ha suscitato furibonde polemiche in particolare per aver adoperato il termine discriminatorio ‘zingaraccia’.

Critiche a cui Salvini ha replicato senza batter ciglio e ancora più stizzito : “Roba da matti. Il problema non è una zingara che minaccia di morte il ministro dell’Interno, vivendo in un campo Rom abusivo. Il problema per qualcuno è la parola ‘zingaraccia’. Io vado avanti, fino al raggiungimento dell’obiettivo zero campi Rom in Italia”.

Il capo del Carroccio non dà tregua e tira dritto per la sua strada. Non è solo. I sondaggi lo premiano come leader e collocano la Lega sul piedistallo di primo partito con una maggioranza di voti che sfiora oltre il 38 per cento.

Pier Paolo Milanese

Leggi anche No ai nuovi pogrom

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi