Da Movimento 5 Stelle a Pan di Stelle. Solo biscotti da offrire a Matteo Salvini

È bufera nel Movimento 5 Stelle. L’approvazione del decreto sicurezza bis è l’ennesima prova di fedeltà o meglio il prezzo che i Pentastellati hanno dovuto pagare cash per garantirsi la permanenza sui banchi del Governo e gli stipendi.

Matteo Salvini in meno di un anno ha stritolato i Pentastellati, li ha letteralmente prosciugati come ha fatto in precedenza con Forza Italia. Matteo Salvini è il padrone del governo fa e disfa ciò che gli pare.

Alla fine il Movimento 5 Stelle si è trasformato in Pan di Stelle. Biscotti dati all’occorrenza al vorace Matteo Salvini per calmargli la fame e soddisfare i suoi desideri di potere.

È la conferma che il Movimento 5 Stelle è privo d’identità, i suoi proclami ideologici, l’appellarsi ai valori, le chiacchiere in formato panna montata sono solo bluff.

La gestione di Luigi Di Maio e del suo mediocre cerchio magico appare imbarazzante. Nella storia Repubblicana ma anche europea non si è mai vista una parabola politica così triste: un partito con oltre il 32 per cento di consensi che in una anno folle al governo disperde un patrimonio enorme di esperienze, lotte e battaglie.

Incapacità, improvvisazione, supponenza e più che altro una corsa leaderistica sfrenata dove il capo è al vertice e può dire e fare tutto.

Alla faccia del ‘uno vale uno’. La svampita e confusionaria gestione del potere da parte dei ‘cittadini nelle istituzioni’ ha rivitalizzato, sdoganato, portato nelle stanze dei bottoni la destra più estrema, populista e becera.

Un vuoto di potere pericoloso a cui il Movimento 5 Stelle non è riuscito a controbilanciare pur avendo una maggioranza consistenze in Parlamento.

Un fallimento senza se e senza ma che coinvolge anche altre esperienze di governo dei grillini.

Un disastro-capolavoro che inquieta e sta facendo deflagrare il Movimento 5 Stelle. L’approvazione del decreto sicurezza bis ha nei fatti interrotto il rapporto di fiducia tra un popolo e la sua rappresentanza.

La rivolta corre sul Web e coinvolge i rappresentanti istituzioni pentastellati: sindaci, consiglieri regionali, comunali e municipali d’Italia non ci stanno e con post, tweet e messaggi privati prendono le distanze.

Non ci stanno a passare per collaborazionisti e più che altro a metterci la faccia senza contare nulla.

Arnaldo Capezzuto

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi