Traffico illegale di cani: dalla Serbia all’Italia. Blitz dei carabinieri forestali

0 0
Reading Time: < 1 minute

Quattro erano legati con guinzagli non più lunghi di un metro a pochi metri da una camper. Altri erano all’interno di alcune scatole di cartone.

I cuccioli, tutti in precarie condizioni di salute, ora sono sono stati affidati alle cure degli operatori dei un canile della zona.

A fare la scoperta, nei pressi della stazione ferroviaria di Villafranca in Lunigiana, i carabinieri forestali di Massa e di Fivizzano.

Foto carabinieri forestali

Mentre i quattro cani più grandi, di razza pechinese, avevano il microchip i cuccioli nella scatola, di varie razze e di un’età stimata dai veterinari tra 1 e 3 mesi, erano privi di microchip e in precarie condizioni igieniche e fisiche, con evidenti segni di morsicatura da parassiti e senza cibo né acqua.

Dopo alcuni controlli i militari hanno scoperto che i cani erano stati introdotti illegalmente in Italia dalla Serbia per essere venduti sul mercato nero.

Metti un like alla nostra Fanpage

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi