Giappone nel mirino della natura: tifone Hagibis e terremoto

Venti intermiabili secondi è durato il terremoto in Giappone, l’epicentro Tokyo nord. La scossa di magnitudo 5,7 mentre non ha creato molti danni ciò che invece mette paura è l’avanzata diHagibis, il più potente tifone degli ultimi 61 anni. La costa orientale è stata colpita.

Poi quasi contemporaneamente la scossa sismica avvertita distintamente nella megalopoli di Tokyo-Yokohama con tutta la popolazione chiusa in casa dalla mattina dopo aver messo sacchetti di sabbia davanti ai portoni e fatto scorta di cibo, acqua e batterie.

Il ciclone Hagibis porta venti a oltre 200 kmh. Il tifone è classificato di quinta categoria, la peggiore, e 5 è anche il livello di allerta, il più alto.

Mentre infuriano piogge torrenziali, nella capitale tutto è sotto controllo grazie alla meticolosa organizzazione che da tre giorni spiega per filo e per segno ai cittadini che cosa accadrà dal punto di vista meteo e da quello della vita della città, dal traffico ferroviario ai servizi pubblici.

La protezione civile giapponese segnala due morti: un automobilista di 41 anni, la cui vettura è stata portata fuoristrada dal vento a Ichiara, e un uomo travolto da una frana nella prefettura di Gunma.

E sono 33 i feriti causati dal crollo di alcune villette di legno, 300mila gli edifici al buio. Nove i dispersi. Pronti i piani di evacuazione di sette milioni di persone: 900mila le persone effettivamente costrette a lasciare le abitazioni.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

1 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi