Non chiamate più ministro Luigi Di Maio, lui è uno statista : “Guardiamo alle prossime generazioni”

Luigi Di Maio parlando dalla Comau di Shanghai e rispondendo a una domanda sulla tassa della plastica per un attimo perde la vigilanza sul suo Ego e spontaneamente si definisce statista.

Non è uno scherzo, non è una burla e neppure una manipolazione. In un discorso, sinceramente, poco originale il giovane ministro degli Esteri indirettamente si auto-elogia.

“Il dibattito sulla Plastic tax è se farla partire oppure no, se fa perdere voti oppure no”, spiega Di Maio.

Poi l’impennata a manetta auto-celebrativa con una spruzzatina in dosi massicce di narcisismo: “Io dico soltanto che i politici guardano alle prossime elezioni, gli statisti guardano alle future generazione”.

Pausa, tira il fiato e Di Maio mette il sigillo con solennità: “Se vogliamo lavorare con serenità al programma di governo noi dobbiamo guardare alle future generazioni”.

Pier Paolo Milanese

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

1 1
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi