Il clan Sibillo e Contini alla conquista del Centro storico di Napoli: pizzo a tappeto. Scatta maxi blitz, 22 fermi

Il centro storico di Napoli occupato militarmente dai clan. Il turismo a gonfie vele e tanti piccoli imprenditori e attivittà commerciali che investono soldi per sfruttare il trent e quindi fornire più servizi.

Fuori alla porta le intimidazioni, le minacce, la forza malavitosa della camorra che chiede l’obolo mensile. Una oppressione, una schiavitù, una legge a cui tutti devono sosttostare. È scattata all’alba una maxi operazione anti camorra nel cuore della Napoli antica.

Pasquale Sibillo

Nel mirino è finito un altro pezzo importante del clan Sibillo, l’architrave della paranza dei bimbi che da Forcella in alleanza con i Giuliano ha tentato, cercato con il baby boss Emanuele Sibillo, poi ammazzato, di imporre il proprio potere contro ‘quelli di fuori’.

I carabinieri di Napoli, coordinati dalla procura distrettuale partenopea hanno stretto le manette ai polsi di 22 persone. Le accuse sono tra l’altro di estorsione a pizzerie, attività produttive, negozi e traffico di stupefacenti.

I miliatri del Nucleo operativo della compagnia Napoli-Centro hanno eseguito l’ordinanza cautelare emessa dal gip del Tribunale di Napoli nei confronti dei 22 indagati.

Sono ritenuti responsabili a vario titolo, sottolineano gli investigatori, di partecipare al “clan Sibillo, di aver più volte estorto denaro ai titolari di pizzerie e negozi di generi alimentari delle zone di San Gaetano e dei Decumani, di partecipazione ad associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti in quelle zone infine di detenzione e porto abusivo di armi da sparo”.

I reati, come ricostruito dai carabinieri, “sono stati commessi per agevolare le attività del clan Sibillo, articolazione satellite del sodalizio camorristico facente capo ad Edoardo Contini ed agli altri gruppi federati nella Alleanza di Secondigliano, particolarmente attivo nelle zone dei Decumani e dei Tribunali, nonostante gli arresti nel tempo dei suoi capi storici”.

Come emerso dalle indagini, proprio i vertici del clan, “nella persona di Pasquale Sibillo, detenuto in carcere, hanno gestito il sodalizio inviando le direttive ai sodali in libertà utilizzando, per recapitare messaggi scritti, i congiunti che si recavano ai colloqui”.

“La stessa organizzazione dedita al traffico di rilevanti quantitativi di sostanze stupefacenti di vari tipi e che ha operato giornalmente per buona parte del primo semestre del 2017, riconducibile ai membri della famiglia di Giuseppe Napolitano ed ad alcuni fornitori abituali esterni all’ambito familiare – osservano i carabinieri – ha operato per agevolare le attività del clan Sibillo, i cui membri in libertà, più volte, hanno tenuto i loro summit camorristici proprio presso l’abitazione dei Napolitano, sede della piazza di spaccio”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

1 0
100 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi