Il giorno del dolore: l’addio a Luca Sacchi, il 24enne trucidato con un colpo esploso alla testa. Ai funerali non c’è Anastasia, l’enigmatica fidanzata

Dolore, rabbia, commozione ai funerali di Luca Sacchi, il giovane di 24 anni ammazzato con un colpo di pistola alla testa due settimane fa davanti a un pub a Roma. Straziati dal dolore i familiari e i cari del 24enne, i genitori hanno autorizzato la donazione degli organi quando ormai non c’era nulla da fare.

Al rito funebre non ha partecipato Anastasia, l’enigmatica fidanzata del giovane ucciso. E proprio su quest’ultima si stanno concetrando le attenzioni dei magistrati. È stata ascoltata dagli inquirenti ma più volte si è contraddetta e non ha raccontato la verità. Perfino la storia dello zainetto, il tentativo di scippo, l’intervento di Luca e quindi la reazione del rapitatore non trovano convergenti riscontri.

“La sua morte ha fatto morire anche noi” sussurra dall’altare il parroco in una chiesa quella del Santissimo nome in Maria all’Appio gremitissima. Tante le corone di fiori di amici, parenti e semplici cittadini. Luca Sacchi è stato ucciso davanti a un pub nel quartiere Appio nella notte fra il 23 ed il 24 ottobre. Due arrestati e una verità che tarda ad arrivare.

“Non ci sono parole per colmare il vuoto di una persona cara che ci lascia soprattutto per i genitori. Solo il silenzio. La morte di Luca ci ha colpito, in un certo senso ci ha fatto morire – ha sottolineato il sacerdote – Nel mondo in cui viviamo a volte ci sentiamo scoraggiati. Facciamo che la morte di Luca sia per tutti noi motivo di vita”.

E la famiglia del giovane attraverso i suoi avvocati Paolo Salice e Armida Decina cheide massima riservatezza: “Appresa la divulgazione della notizia relativa ai funerali del figlio, chiede di poter vivere con la massima riservatezza il giorno dell’addio a Luca, nel rispetto del proprio dolore e della sua giovane vita spezzata. Ringraziamo coloro che vorranno comprendere la nostra scelta”.

Le indagini non si fermano a breve sarà interrogata per l’ennesima volta Anastasia, ora è tempo di raccontare la vera verità.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

5 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi