Venti di guerra in Medioriente e nel Meditrraneo. Ai funerali di Soleimani già 30 morti per la calca

S’infiamma il Medioriente e il Mediterraneo. L’eliminazione del generale Qassam Soleimani, agita venti di guerra.

L’incendio potrebbe propagarsi e coinvolgere vari fronti. Sono ore drammatiche per il mondo. Gli iraniani hanno giurato che colpiranno gli Usa e sarà un nuovo Vietnam.

Nel frattempo un’enorme folla si è radunata a Kerman. Apettano la sepoltura del generale Qassam Soleimani.

La folla, la calca ha provocato 30 morti e 48 feriti.

Gli abitanti di Kerman sono arrivati in massa nel centro della città natale del generale Soleimani, dove oggi è prevista la sepoltura.

Intanto la Ue cerca di trovare strade diplomatiche. A muoversi sono Francia, Germania e Inghilterra. L’Italia non pervenuta.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi