Decreto urgente per rimettere dietro le sbarre boss e killer

3 0
Reading Time: 2 minutes

Boss e killer torneranno in carecere.

Manca un’ora al Consiglio dei ministri. Una riunione flash per firmare il decreto legge urgente e consentire attraverso una norma di far rispalancare le patrie galere e far tornare dietro le sbarre molti degli scarcerati per l’effetto del Covid-19.

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha lavorato tutta la giornata al decreto per metterci una pezza al pasticcio della circolare del Dap e alle decisioni dei giudici di sorveglianza.

La lista è di 498 detenuti a cui sono stati concessi gli arresti domiciliari e tra loro spiccano il nome di Pasquale Zagaria, fratello del super capo dei Casalesi, Michele e dell’ergastolano Franco Cataldo, 85 anni, che partecipò all’uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo.

Era l’11 gennaio 1996, all’età di quindici anni e dopo mesi di segregazione, Giuseppe Di Matteo venne strangolato a morte per mano di Giovanni Brusca e poi immerso nell’acido per far scomparire i resti.

Il piccolo era stato rapito per ricattare suo padre Santino, tra i killer delle stragi di Capaci che stavano collaborando con la giustizia.

Uno stop urgente imposto da Bonafede e dal nuovo vice capo del Dap Roberto Tartaglia. Ora la speranza è che nel frattempo nessuno sia scappato. Sarebbe una imperdonabile beffa.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi