Il papsus di Salvini : “Porti chiusi condannano a morte migliaia di persone”

Il lapsus per Sigismund Freud, l’inventore della psicoanalisi, rientra negli atti mancati, atti involontari non casuali.

La riflessione nasce spontanea : l’intervento di ieri al Senato di Matteo Salvini e quel passaggio sugli immigrati dove il capo della Lega mentre fa il suo discorso dice: “Porti chiusi condannano a morte migliaia di persone”.

Per un attimo è raffiorato nel suo strado di coscienza istintiva un concetto che la coscienza vigile tiene a bada ossia la consapevoleza che i porti chiusi cioè l’impedire fisicamente i profughi o naufraghi di sbarcare nei nostri porti contribuisce a farli morire.

Un attimo di distrazione, un momento di disorientamento e la perdita per un attimo del controllo.

Matteo Salvini racconta quello che davvero pensa, che è radicato nella sua vera coscienza: i “Porti chiusi condannano a morte migliaia di persone”. Compreso l’errore è scattato subito l’allarme.

La coscienza artefatta quella che impone i pensieri propri precipitosamente ha bastonato quella inconscia e subito ci ha messo una toppa. Salvine si è corretto un istante dopo: “I porti aperti condannano a morte”.

Il lapsus del leader della Lega Matto Salvini durante il suo intervento in Senato, dopo l’informativa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte in vista del Consiglio europeo di venerdì.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi