Il debutto a Palazzo Reale: ‘Processo a Viviani’

Andrà in scena nel Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale, domenica 19 luglio alle 21, per la Sezione Italiana del Napoli Teatro Festival Italia 2020, il debutto nazionale dello spettacolo “Processo a Viviani”, produzione THeCULT, scritto e diretto da Corrado Ardone, con Mario Aterrano nel ruolo di Raffaele Viviani, e Massimo Peluso in quello del Giudice.

Lo spettacolo, che celebra l’artista a 70 anni dalla sua morte, è un processo immaginario a Raffaele Viviani, che mette a nudo la vita e il percorso artistico del drammaturgo, costretto a difendersi dalle accuse rivoltegli dal giudice: reo di raccontare le miserie, discreditando le politiche di governo.

Massimo Peluso (Giudice)

L’arringa dell’autore a difesa della sua innocenza, attraverso aneddoti di vita, confessioni e performance tratte dal suo repertorio, mette a nudo gli aspetti della sua eccentrica personalità.

Il dopoguerra segnò l’inizio del neorealismo, che vide in Viviani un precursore dei tempi, ma troppo tardi, l’autore ormai sopravviveva facendo l’attore di compagnia, e quando finalmente riuscì a tornare al “suo” teatro, poco tempo dopo si ammalò e morì.

Mario Aterrano (Raffaele Viviani)

Le voci del popolo sentenziarono: “È muort’e collera”. Musiche e arrangiamenti sono a cura del maestro Michele Bone’. Musiche originali e fonica di Peppe Bruno.

Chitarre di Michele Bone’ e Gennaro Esposito. Scenografia di Peppe Zarbo. Luci di Mario Maisto (Xelius). Trucco e parrucco di Rene’ Bonante (Fast Beauty).

Consulenza letteraria di Maria Emilia Nardo. Grafica di Ivano La Montagna. Foto di Massimo Accarino e Pino Finizio. Costumi realizzati da Canzanella. 

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi