“Napoli e i napoletani da bruciare”

“Napoli e i napoletani da bruciare” è la scritta comparsa su di un display per meglio motivare i dipendenti

“Napoli e i napoletani da bruciare”, il cartello shock è stato affisso in azienda a Pomigliano.

È stato lo stesso direttore dello stabilimento dell’indotto di Pomigliano a compilarlo per poi giustificarsi che era un modo solo di ‘spronare’ i dipendenti.

L’avviso particolare è apparso sul display informativo dell’azienda, una ditta che produce componenti per auto dell’indotto Fiat: “Bisogna bruciare tutto: Napoli, tutti i napoletani e i loro rifiuti anche perché i napoletani sono un rifiuto”.

Sotto, c’era anche scritto “io non ci sto”, in lettere maiuscole e “bisogna reagire”.

Un modo ‘particolare’ per motivare i dipendenti e la struttura ch ha sollevato e non poteva essere diversamente un nugolo di polemiche.

Secondo i sindacati è una strategia motivazionale inaccettabile, che hanno chiesto il licenziamento del dirigente e hanno fermato la catena di montaggio per una notte.

Il tutto è successo dieci giorni fa, ma si è saputo in questi giorni, dopo che la foto con il display ha cominciato a circolare in rete.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi