Vertenza Jabil. Fiom detta le condizioni: “Si ritirino licenziamenti e si garantisca il reimpiego”. Tavolo ministeriale continua

“Abbiamo chiesto al tavolo di ritirare i licenziamenti e di garantire il reimpiego dei lavoratori”: lo riferisce il segretario della Fiom-Cgil di Caserta, Francesco Percuoco al termine del tavolo sulla vertenza Jabil, la multinazionale Usa che ha annunciato 190 licenziamenti nel sito di Marcianise dal 25 maggio.

“Dall’incontro di oggi è emersa la possibilità che si ritirino i licenziamenti. Il contributo dei ministeri è quello di non farli mettere in atto, ma resta il problema degli esuberi: il lavoratore deve valutare senza nessuna obbligazione la ricollocazione, si deve avere la certezza di non fare un salto nel buio”, spiega.

“Il Mise – conclude – deve venire a conoscenza dei progetti della Softlab”, una delle aziende che si è resa disponibile ad assumere da subito le 190 persone. Il tavolo su Jabil, riferiscono fonti del ministero, è aggiornato a domani pomeriggio.

Prosegue il confronto tra le parti, con la mediazione dei due dicasteri coinvolti, Lavoro e Sviluppo economico rappresentati dal Ministro Catalfo e dalla Sottosegretaria Todde, e dell’assessore regionale al Lavoro della Campania, Palmeri, per trovare una rapida soluzione che consenta la continuita’ occupazionale dei 190 lavoratori dello stabilimento di Marcianise

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi