Nino Daniele e il laboratorio Napoli per guidare la città

A sopresa circondato dai lupi di Liu Ruowangche davanti Palazzo San Giacomo è apparso anche il protagonista del sit in di solidarietà: Nino Daniele.

L’ex assessore alla Cultura e Turismo di Napoli defenestrato nell’ultimo rimpasto voluto dal sindaco Luigi de Magistris sembra aver risvegliato in città partecipazione, passione e voglia di fare.

A sostituire Daniele è stata chiamata la consigliera Eleonora de Majo e come dire l’esordio è stato a dir poco scoppiettante con la comunità ebraica partenopea che le ha rinfacciato l’appoggio ai palestinesi e le sue parole contro Israele con l’energica controreplica della neo assessora.

Foto di Ferdinando Kaiser 

A mettere il carico da cento è stata Liliana Segre che ha rifiutato la proposta della stessa De Majo di conferirle la cittadinanza onoraria bollandola come “strumentale”.

E nelle nebbie tumultuose delle polemiche compare in carne ed ossa Nino Daniele che auspica un ritorno alla partecipazione attiva e un coinvolgimento combattivo per il futuro della città.

Dietro l’uscita di Daniele dalla Giunta è venuto fuori un mondo magmatico, silente, appassionato, variegato, inaspettato che pare aver scaricato, si spera di no, l’esperienza autonoma di de Magistris.

Nella foto Nino Daniele e l’artista Riccardo Dalisi

Non sono in pochi a intravedere spazi e protagonismi nuovi che potrebbero avviare una nuova stagione politica a Napoli.

Un mettere insieme esperienze, pezzi della politica, arcipelaghi culturali e personalità per costruire un campo largo senza pregiudiziali che punti alla costruzione e promozione di una alternativa politica a Napoli.

C’è chi indica proprio nella figura di Nino Daniele, quella personalità che potrebbe fare da coagulo, accompagnare, avviare una nuova esperienza politica nella veste di candidato a sindaco di Napoli.

Il diretto interessato sornione si dice lusingato e l’idea renderebbe felice qualsiasi persona. E qualcuno perfidamente legge l’allontanamento di Nino Daniele dalla giunta perchè ormai considerato un pericoloso competitor alla guida della città.

Pier Paolo Milanese

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi